Vieni a ballare in Calabria. Riaprono discoteche e lidi

movida notturnadi Pasquale Romano - Anche in Calabria riparte l'intrattenimento notturno. Seguendo l'esempio di diverse regioni italiane (Puglia e Sicilia su tutte) la Calabria è pronta a riaprire discoteche e lidi nei quali si riaccenderà la movida notturna. I numeri legati alla diffusione del Covid-19 in Calabria sono confortanti, il virus nelle ultime settimane ha fatto perdere progressivamente le proprie tracce. Non è ancora tempo di alzare le mani al cielo in segno di vittoria ma è possibile riprogrammare in modo graduale la riapertura di tutte le attività, comprese quelle legate all'intrattenimento notturno.

Giovedi 4 maggio, presso la Cittadella Regionale, l'Assessore al Turismo e le Attività Economiche Fausto Orsomarso ha incontrato Sasha Sorgonà (Presidente Silb-Rc) e una delegazione di imprenditori calabresi legati all'intrattenimento notturno. Il settore delle discoteche è stato, per ovvi motivi, uno dei più colpiti dall'emergenza Covid-19. L'obbligo di mantenere il distanziamento fisico ha causato nei mesi scorsi la chiusura di tutte le attività, adesso però è tempo di ripartire.

Numeri importanti quelli legati all'intrattenimento notturno: in Italia si contano circa 2.500 attività, 90mila addetti, un fatturato da 4 miliardi annui per un gettito fiscale di 800milioni di euro. Più di 4 milioni, tra italiani e turisti, le persone che ogni weekend ballano in discoteca.

Ripartire, ma come? Le linee guida, ancora in fase di studio, ricalcheranno quelle delle altre regioni. Innanzitutto saranno ridotte le capienze all'interno di lidi e discoteche, verranno utilizzati bicchieri esclusivamente monouso, mascherine e guanti all'intero personale e ovvio rispetto delle misure di distanziamento fisico. Si punterà anche sulle prenotazioni online, così da evitare file e assembramenti all'ingresso dei locali.

Quella 2020 sarà un'estate diversa e particolare non solo per la Calabria ma anche per l'Italia e il resto del mondo, è importante però (nel pieno rispetto delle normative e in totale sicurezza) ridare un impulso ad un'economia già depressa a queste latitudini. A livello nazionale la situazione è frastagliata: alcune tra le più grandi e frequentate discoteche d'Italia non apriranno i battenti, in altri casi si attendono segnali precisi dal Governo.

Per questi motivi il 10 giugno tutti i presidenti provinciali del Silb (Sindacato italiano locali da ballo) saranno a Roma per un flash mob in piazza Montecitorio, davanti al Parlamento. Se per l'estate infatti, grazie ai locali all'aperto, sarà più facile gestire le disposizioni anti Coronavirus, c'è da iniziare a capire come affrontare la situazione per l'autunno-inverno e la possibile seconda ondata del virus.

Tornando all'estate 2020, quando riapriranno lidi e discoteche in Calabria? Al momento non c'è una data prevista. Nei prossimi giorni l'Assessore Orsomarso emanerà le linee guida che regoleranno la riapertura delle discoteche, dopo scatterà la corsa contro il tempo dei titolari per riorganizzare le proprie attività in base alle nuove disposizioni. E' possibile sia quello del 4 luglio il primo weekend per la Calabria nel quale sarà possibile tornare a ballare.